Gli scrittori che partecipano al Festival

13 Apr

Festival dei lettori
Bruno Arpaia (Ottaviano, 1957), scrittore e giornalista, conoscitore della letteratura spagnola e latinoamericana, affianca alle attività di romanziere e saggista quella di traduttore. Ha pubblicato: I forestieri (Leonardo Editore, 1990); Il futuro in punta di piedi (Donzelli, 1994); Tempo perso (Marco
Tropea editore, 1997); L’Angelo della storia (Guanda, 2001); Il passato davanti a noi (Guanda, 2006); Per una sinistra reazionaria (Guanda, 2007); L’energia del vuoto (Guanda, 2011).
Duccio Demetrio, filosofo dell’educazione all’Università degli studi di Milano-Bicocca, è da sempre attento osservatore della condizione adulta e dei suoi problemi esistenziali. Ha fondato e dirige la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari e la Società di Pedagogia e Didattica della Scrittura. Tra le sue ultime pubblicazioni: Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007), La scrittura clinica (2008), L’educazione non è finita (2009), Ascetismo metropolitano. L’inquieta religiosità dei non credenti (2009), L’interiorità maschile. La solitudine degli uomini (2010), Perché amiamo scrivere (Cortina, 2011) e con Francesca Rigotti Senza Figli (Cortina, 2012).

Licia Giaquinto. È nata in Irpinia. Ha pubblicato Fa così anche il lupo (Feltrinelli), È successo così (Theoria), Terre Rare (Tam Tam di Adriano Spatola) e le raccolte L’osceno teatrino, La foce del sonno, L’amantide, I Tarocchi, Angeli e fiumi. Per il teatro ha scritto alcuni testi, tra cui Margherita da Cortona, La confessione e La notte, che sono stati rappresentati da diverse compagnie. Ha partecipato alle antologie Enokiller e Chocokiller (Morganti). ll suo ultimo romanzo è La ianara (Adelphi, 2010).

Loriano Macchiavelli. È nato a Pioppe di Salvaro vicino a Vergato, in provincia di Bologna, il 12 marzo 1934, e si è diplomato a Bologna. Si è occupato di teatro come autore e anche come attore. A partire dal 1974 inizia la pubblicazione di romanzi e racconti gialli. Il suo personaggio più amato, l’ispettore Sarti Antonio, è stato protagonista di una fortunata serie di telefilm ambientati a Bologna. Con la pubblicazione del romanzo Macaroni, comincia la collaborazione con il cantante e scrittore Francesco Guccini. Insieme con Carlo Lucarelli e Marcello Fois ha fondato l’associazione Gruppo 13 che riunisce i giallisti emilianoromagnoli. Dirige la rivista «Delitti di Carta» che si occupa di poliziesco italiano. Tra i suoi ultimi libri, segnaliamo L’ironia della scimmia: romanzo (Mondadori, 2012). Con Francesco Guccini ha recentemente pubblicato Malastagione (Mondadori, 2011) e la raccolta Appennino di Sangue (Mondadori, 2011). (www . loriano – macchiavell i . i t)

Francesca Melandri (Roma, 1964) è una sceneggiatrice, scrittrice e documentarista. Ha esordito nella narrativa nel 2010 con Eva dorme (Arnoldo Mondadori Editore), un romanzo che ripercorre gli anni del terrorismo sudtirolese. Ha diretto i documentari Nel paese delle case di Lana (1993) e Vera (2010). Vera è stato inserito nella selezione ufficiale IDFA (International Documentary Film Festival Amsterdam) 2010, FULL FRAME (Full Frame International Documentary Film festival) 2011, PKF (Pitigliani Kolnoa Festival,
Roma) 2011; vincitore nella sezione documentari – Umbria Film Festival Popoli e Religioni 2012. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo Più alto del cielo (Rizzoli).
Marco Missiroli (Rimini, 1981). Il suo romanzo d’esordio, Senza coda (Fanucci, 2005), ha ricevuto nel 2006 il Premio Campiello Opera prima. Il suo ultimo libro, Il senso dell’elefante (Guanda), uscito il 23 febbraio 2012, è stato Finalista al Premio Campiello 2012 (vincitore del premio Vigevano – Lucio
Mastrolonardi). È tradotto in varie lingue. Vive a Milano, dove lavora come caporedattore di una rivista di psicologia. Scrive per il settimanale «Vanity Fair» e per la cultura del «Corriere della Sera».

Laura Pariani (Busto Arsizio, 1951), si è laureata in filosofia della storia all’Università Statale di Milano. Negli anni Settanta ha disegnato e scritto storie a fumetti. Ha cominciato a pubblicare narrativa dal 1993. È tradotta in varie lingue. Ha pubblicato Il paese delle vocali (Casagrande, 2000); La foto di Orta (Rizzoli, 2001); Quando Dio ballava il tango (Rizzoli, 2002); L’uovo di Gertrudina (Rizzoli, 2003); La straduzione (Rizzoli, 2004); Il paese dei sogni perduti (Effigie, 2004); Tango per una rosa (Casagrande, 2005), Patagonia blues (Effigie, 2005); I pesci nel letto (Alet, 2006); Dio non ama i bambini (Einaudi, 2007), Milano è una selva oscura (Einaudi, 2010); La valle delle donne lupo (Einaudi, 2011). È tradotta in varie lingue. (www . omegna . ne t / parian i / start . htm l)

Igiaba Scego (Roma, 1974) è una scrittrice italiana di origine somala. Attualmente si occupa di scrittura, giornalismo e di ricerca incentrata sul dialogo tra le culture e la dimensione della transculturalità e della
migrazione. Collabora con molte riviste che si occupano di migrazioni e di culture e letterature africane. Le sue opere, non prive di riferimenti autobiografici, si caratterizzano per il delicato equilibrio tra le due
realtà culturali d’appartenenza. Ha pubblicato La nomade che amava Alfred Hitchcock (Sinnos, 2003), Rhoda (Sinnos, 2004), Amori Bicolori. Racconti (Laterza, 2007); Quando nasci è una roulette. Giovani figli di migranti si raccontano (Terre di Mezzo, 2007), Oltre Babilonia (Donzelli, 2008), La mia casa è dove sono (Rizzoli, 2010). (http :/ / igiabascego . blogspo t . i t)
Valerio Varesi (Torino, 1959). È cresciuto e ha studiato a Parma, e si è laureato in Filosofia all’Università di Bologna con una tesi su Kierkegaard. Dal 1985 ha cominciato a collaborare con giornali e riviste, e dal 1990 lavora alla redazione bolognese di «Repubblica». Da quattro suoi romanzi sono state tratte altrettante puntate del minisceneggiato Nebbie e delitti, trasmesso da Rai Due nel 2005, interpretato da Luca Barbareschi nella parte del commissario Soneri. L’ultimo suo romanzo è Il rivoluzionario (Frassinelli,
2013). ( www . valeriovares i . ne t)
Silvia Vecchini (Perugia, 1975) è laureata in Lettere, studia presso l’Istituto Teologico di Assisi, scrive libri per bambini, testi scolastici e progetta materiale didattico. Con il marito, Antonio Vincenti, ha creato Il
Gruppo Sicomoro per svolgere un’attività editoriale rivolta ai bambini e ai ragazzi come autori e illustratori, sia nell’ambito della catechesi sia dell’insegnamento della religione cattolica e della narrativa. Con le
Edizioni San Paolo ha pubblicato il romanzo per ragazzi Rabbunì (2009).
Mariapia Veladiano (Vicenza, 1960) collabora con «Repubblica» e con la rivista «Il Regno». La vita accanto, pubblicato con Einaudi “Stile Libero”, è il suo primo romanzo, vincitore del Premio Calvino 2010, e secondo al Premio Strega 2011. Nel 2012 ha pubblicato, ancora con Einaudi, Il tempo è un dio breve. A febbraio è uscito un piccolo giallo per ragazzi, Messaggi da lontano, edito da Rizzoli. (www . mariapiaveladiano . com)
Grazia Verasani (Bologna, 1964) vive a Bologna; dopo il diploma all’Accademia d’arte drammatica ed esperienze teatrali con il Teatro Stabile dell’Aquila e il Teatro Stabile di Torino, a Roma conosce Tonino Guerra che la incoraggia a scrivere. Nel 1987 torna a Bologna e pubblica i suoi primi racconti grazie al poeta Roberto Roversi e a Gianni Celati. La sua attività spazia in numerosi ambiti: è attrice, cantante, speaker per la RAI, corista, doppiatrice, suona il pianoforte, firma sceneggiature, collabora con giornali e riviste, compone canzoni. Nel ’95 vince il Premio Città di Recanati per la canzone d’autore e nel ’96 esce il cd Nata mai (BMG) con dodici canzoni di sua composizione. Nel 2002 al Teatro Colosseo di Roma viene rappresentata la sua pièce teatrale From Medea. Dal romanzo Quo vadis, baby? il regista Gabriele
Salvatores ha tratto l’omonimo film, uscito nelle sale il 27 maggio 2005 e vincitore di premi importanti. L’ultimo suo romanzo si intitola Di tutti e di nessuno (Feltrinelli, 2012).  (www . graziaverasan i . i t)

Maria Luisa Vezzali (1964) vive a Bologna. Poetessa, traduttrice e docente di Materie letterarie al liceo. Come traduttrice ha curato per Crocetti nel 2000 Cartografie del silenzio, antologia della poetessa americana Adrienne Rich, e, per i tipi della Donzelli, Conoscenza della luce di Lorand Gaspar (2005).
Come poetessa, ha pubblicato L’altra eternità (Edizioni del Laboratorio, Modena, 1987) ed Eleusi marina, in Poesia contemporanea. Terzo quaderno italiano (Guerini e Associati, Milano, 1992). È presente in diverse antologie; per ricordare la più recente: Il pensiero dominante. Poesia italiana 1970-2000, a cura di Franco Loi e Davide Rondoni (Garzanti, Milano, 2001).

Antonio «Sualzo» Vincenti (Perugia, 1969) è autore e illustratore per diverse case editrici italiane e straniere. Disegna le storie a fumetti di Kino e Gaetano sul mensile «Gbaby» (San Paolo). Con l’editore Paquet (Francia) ha pubblicato L’improvisateur (2008) che ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura del Festi’BD di Moulins, e Un papà est né (2010). In Italia, L’improvvisatore (Rizzoli-Lizard 2009) è stato tra i cinque finalisti del Premio Micheluzzi 2010.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: